201908.26
0

ECCO I RICORSI PER CHI NON HA OTTENUTO TRASFERIMENTO E/O ASSEGNAZIONE PROVVISORIA

Anche quest’ anno lo Studio legale dell’avvocato Vincenzo La Cava, premiato nel mese di giugno quale “boutique di eccellenza diritto scolastico 2018 e 2019” a seguito dei numerosi successi e trasferimenti ottenuti nelle precedenti procedure di mobilità propone i ricorsi innanzi al Tribunale del Lavoro ove il docente presta servizio al momento del deposito del ricorso ed in favore di tutti i docenti che non hanno ottenuto il trasferimento nella procedura di mobilità 2019/2020.

Ecco i ricorsi d’urgenza( con scadenza al 30.9.2019) PER CHI NON HA OTTENUTO ASSEGNAZIONE PROVVISORIA  E/O IL TRASFERIMENTO INTERPROVINCIALE e come aderire:

1 Ricorso ex art 700 cpc riservato ai docenti abilitati sul SOSTEGNO o con un anno di servizio volto ad ottenere assegnazione provvisoria;

Il C.C.N.I. sulle utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie prevede una chiara se-quenza operativa sui docenti che hanno diritto ad ottenere le assegnazioni prov-visorie ed in particolare:
Preliminarmente l’assegnazione provvisoria verrà concessa ai docenti forniti del titolo di specializzazione sul sostegno.
Successivamente l’articolo 7, comma 14, del CCNI 2019/22 prevede che l’assegnazione provvisoria interprovinciale può essere richiesta per i posti di so-stegno anche da docenti privi di titolo di specializzazione.
Le condizioni per chiedere l’assegnazione interprovinciale su sostegno senza ti-tolo sono le seguenti:
-stare per concludere il percorso di specializzazione su sostegno oppure, in su-bordine, aver svolto un anno di servizio su posto di sostegno anche a tempo de-terminato

L’assegnazione su sostegno senza titolo di specializzazione avviene in subordine al personale fornito di titolo di specializzazione;
dopo aver accantonato un numero di posti di sostegno pari al numero di docenti specializzati inseriti nelle graduatorie ad esaurimento e nelle graduatorie di isti-tuto, compresi gli elenchi aggiuntivi.

Molto spesso accade però che , pur essendovi posti di sostegno da assegnare ai docenti specializzati o con un anno di servizio , Gli uffici scolastici provinciali , illegittimamente avviano le chiamate dei docenti da G.A.E. e da G.D.I. senza abilitazione, ledendo irrimediabilmente il diritto dei docenti specializzati a copri-re uno di tali posti prima che si proceda alla chiamata dei supplenti.
Per aderire al ricorso, da proporre nella immediatezza delle pubblicazioni delle chiamate dalle c.d. “ scuole polo” in favore dei docenti da gae e da GDI non specializzati, occorre inoltrare la seguente documentazione :
1. contratto immissione in ruolo;
2. ultimo cedolino;
3. domanda di assegnazione provvisoria;
4. graduatorie assegnazioni provvisorie;
5. nota usp con concessione dei posti in deroga sul sostegno;
6. titolo di specializzazione sostegno( o anno di servizio)
7. note usp convocazione dei docenti non specializzati

Il Tribunale di Roma ha già accolto un ricorso proposto dall’avvocato La Cava del 19/03/2018 disponendo che “ come affermato dalla Giurisprudenza cui si aderisce il Miur è tenuto a provvedere alla copertura dei posti disponibili su so-stegno con i docenti di ruolo specializzati che abbiano fatto domanda di asse-gnazione provvisoria e che siano inseriti nella specifica graduatoria e ciò prima di provvedere alle assunzioni a tempo determinato di docenti non specializzati e collocati nelle graduatorie ad esaurimento o di istituto come si verifica nell’ambito delle assegnazioni provvisorie sui posti vacanti in organico ordinario”

La documentazione deve essere inoltrata entro e non oltre il 30.9.2019 soltanto in formato pdf alla mail: vincenzo.lacava@avvocatovincenzolacava.it e/o contattare lo studio allo 090 346288;

2. Ricorso ex art 700 cpc volto a far valere la precedenza ex l.104/1992 per assistere il genitore disabile ed il consequenziale trasferimento interprovinciale.

Lo studio dell’avvocato La Cava si è distinto per i numerosi successi ottenuti in materia consentendo, nel corso della precedente procedura di mobilità 2018/2019 e adesso con la mobilità 2019/2020 a centinaia di cocenti di ottenere il trasferimento.

Lo studio ha ottenuto importanti VITTORIE presso i Tribunali di: Messina, Bar-cellona Pozzo di Gotto, Catania, Patti, Palermo, Termini Imerese, Roma, Potenza, Lodi, Brescia, Vicenza, Asti, Ravenna, Viterbo, Vercelli, Vibo Valentia, Cosenza, Pisa, Monza, Genova;

Il ricorso è rivolto al docente referente unico del PARENTE ED AFFINE DISABILE SINO AL TERZO GRADO (ex legge 104/1992 art 3 Comma 3) e PER IL CONVIVENTE MORE UXORIO disabile in condizioni di gravità (art 3 comma 3):

Si chiederà il riconoscimento del diritto di precedenza nei trasferimenti interpro-vinciali( non previsto illegittimamente dal CCNI) ed al consequenziale trasferi-mento presso la prima sede indicata in domanda, atteso che l’amministrazione scolastica graduerebbe( secondo l’art 14 ccni) il diritto di precedenza per il pa-rente ed affine sino al terzo grado con le assegnazioni provvisorie.
Appare evidente che tutti i docenti che non hanno ottenuto assegnazione provvi-soria ed hanno inserito nella domanda di mobilità interprovinciale la precedenza per assistere il disabile avranno un motivo in più per proporre ricorso d’urgenza.

Per aderire occorre inoltrare la seguente documentazione in formato pdf all indi-rizzo mail ENTRO E NON OLTRE IL 30.9.2019: vincen-zo.lacava@avvocatovincenzolacava.it:

1.domanda cartacea integrativa;
2.Domanda di mobilità 2018/2019;
3.Reclamo avverso il mancato riconoscimento della precedenza;
4.Lettera di notifica;
5.Mail omesso trasferimento;
6.Bollettino dei trasferimenti;
7.Ultima busta paga;
8.Contratto di immissione in ruolo;
9.Autocertificazione dei familiari (parenti o affini sino al terzo grado)del disabile che attestano impossibilità oggettiva ad assisterlo e/o altra documentazione;( ove non si prova che si è conviventi);
10.Verbale della commissione medica di invalidità del disabile in situazione di gravità(art 3 comma 3 non rivedibile);
11.Certificato di famiglia storico del disabile;
12.Certificato di residenza del disabile e del ricorrente;
13. permessi 104;
14 domanda di assegnazione provvisoria;
15 graduatoria di assegnazione provvisoria ( non ottenuta)

3.Ricorso ex art 700 cpc volto al riconoscimento dell’assegnazione tempora-nea triennale per docenti con figli inferiori a tre anni ex art 42 bis dlgs 151/2001;

Anche nel comparto scuola deve applicarsi il dlgs 151/2001 secondo cui “Il ge-nitore con figli minori fino a tre anni di età dipendente di amministrazioni pub-bliche può essere assegnato, a richiesta, anche in modo frazionato per un periodo complessivamente non superiore a tre anni ad una sede di servizio ubicata nella stessa provincia o regione nella quale l’altro genitore esercita la propria attività lavorativa”
Riteniamo impensabile, che in detta procedura alternativa a quella di mobilità, non debbano trovare tutela i minori di anni 3 anche in età scolare( al pari dei di-sabili) costretti spesso a dover crescere senza la costante presenza e cura dei ge-nitori ed ancor più delle proprie madri.
Chi si trova nel possesso dei superiori requisiti ha diritto a chiedere sia all’uffcio scolastico di appartenenza che a quello di destinazione il trasferimento tempora-neo per tre anni ( con domanda cartacea predisposta dal nostro studio da inoltra-re con massima celerità) al fine di accudire il proprio figlio.
All’esito della risposta dell’amministrazione proporre immediato ricorso.
Chi può aderire
a)Il genitore ( anche affidatario ed adottivo) di un minore di età inferiore a tre anni al momento della presentazione della istanza;
b)Essere in possesso della professionalità corrispondente al posto da ricoprire (ad es., l’insegnate non potrà richiedere l’assegnazione temporanea in diversa classe di concorso).
c) Essere dipendente a tempo indeterminato di una P.A.;
Come e quando proporre ricorso .
Successivamente alla emanazione delle graduatorie di assegnazione provvisoria La documentazione da inoltrare a mezzo mail al nostro studio vincenzo.lacava@avvocatovincenzolacava.it è la seguente:
– Copia della istanza di assegnazione temporanea con ricevute di ritorno con re-lativi allegati ;
– Dichiarazione sostitutiva atto notorietà coniuge che presta servizio nel comune ove chiede assegnazione la docente;
– autocertificazione stato di famiglia;
– provvedimenti dell’Ufficio scolastico provinciale di destinazione di assegna-zione provvisoria, CCNI utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie;
– Certificato di servizio;
– Contratto immissione in ruolo;
– Ultima busta paga ;
Leggi alcune delle nostre vittorie ( su tutte V. Tribunali di Termini Imerese, Barcellona Pozzo di Gotto; Messina, Napoli Nord, Marsala, Siracusa, Pavia, Venezia.);

4. Ricorso ricolto ai docenti che hanno partecipato alla mobilità 2019/2020 per contestare la illegittima priorità concessa ai neo immessi in ruolo.
Lo studio Legale La Cava ha deciso di avviare un nuovo ricorso presso il Tribunale del Lavoro competente, volto a tutelare le ragioni, di tutti i docenti che hanno presentato domanda di mobilità interprovinciale e non hanno ottenuto il movimento al cospetto di una illegittima priorità concessa ai neo immessi in ruolo
Il consiglio di stato ha annullato la ordinanza ministeriale attuativa del CCNI 2018 statuendo proprio che” la priorità alle nuove nomine in ruolo esiste solo per i posti liberi dopo una certa data.”;
1.Contratto immissione in ruolo;
2.Ultima busta paga;
3.domanda di mobilità 2019/2020;
5.Lettera di notifica (risposta usp);
6.Mail (con la quale è stato comunicato omesso trasferimento);
7.Bollettino dei trasferimenti 019/020;
8.bollettino immissioni in ruolo 2019/2020 presso Usp di destinazione;

5.Ricorso per il riconoscimento per intero del servizio pre ruolo prestato presso gli istituti paritari.

Il ricorso è rivolto ai docenti che hanno partecipato alla procedura di mobilità 2019/2020 ed è volto al riconoscimento per intero del servizio pre ruolo ai fini della mobilità, graduatoria interna di istituto, ricostruzione della carriera;
Per aderire al ricorso, occorre inoltre la seguente documentazione in formato pdf al seguente indirizzo mail: vincenzo.lacava@avvocatovincenzolacava.it:

1.Domanda di mobilità con allegato D(ove occorre inserire tutto il servizio);
2.Copia della domanda cartacea integrativa;
3.Risposta dell’Usp(lettera di notifica);
4.Attestato di servizio pre ruolo o singoli contratti del pre ruolo della scuola pa-ritaria;
5.Stralcio graduatoria ad esaurimento ove si evince punteggio pre ruolo;
6.Ultima busta paga;
7.Contratto di assunzione a t. ind.;
8.Mail di mancato trasferimento;
9.Domanda cartacea integrativa;
10.Bollettino trasferimenti;
11.Certificato di famiglia;
12.Reclamo avverso il mancato riconoscimento;

CHI PUÒ ADERIRE:
I docenti che hanno prestato servizio pre ruolo ( anche ante 2000) alle dipenden-ze di istituti paritari.
Si chiederà il riconoscimento del punteggio ed al consequenziale trasferimento presso la prima sede indicata in domanda.

Lo studio ha ottenuto importanti VITTORIE presso i Tribunali di:
Messina, Catania, Cosenza, Locri, Cosenza, Roma, Enna, Velletri, Pordeno-ne, Termini Imerese, Prato, Caltagirone,

6)Ricorso volto al riconoscimento del punteggio(12 punti) per il titolo di specializzazione ssis;

Chi può aderire:
I docenti che hanno conseguito il titolo di specializzazione ssis.
Per aderire al ricorso, occorre inoltre la seguente documentazione in formato pdf al seguente indirizzo mail: vincenzo.lacava@avvocatovincenzolacava.it:

1.Contratto di immissione in ruolo.
2.Domanda di mobilità 2019/2020. (occorre aver inserito il titolo ssis)
3.Lettera di notifica (risposta ambito territoriale).
4.Titolo specializzazione SSIS.
5.Ultima busta paga.
6.Bollettino movimenti.
7.Stralcio GAE.
8.Domanda cartacea integrativa.
9.Certificato di famiglia.
10 reclamo avverso il mancato riconoscimento

La predetta documentazione deve essere inoltrata via mail a: vincen-zo.lacava@avvocatovincenzolacava.it esclusivamente in formato pdf.

7) Ricorso volto ad ottenere il trasferimento per mancato riconoscimento (nella procedura di mobilità 2016/2017) della precedenza agli assunti ante 2014(fase b1) e 2015(da gae);

Abbiamo deciso di dare la possibilità a tutti i docenti ancora troppo lontani dalle proprie famiglie di poter ancora aderire al ricorso avverso le illegittimità della procedura di mobilità 2016/2017 laddove è stata prevista la riserva dei posti concessi agli idonei del concorso 2012 che con punteggio ed esperienza inferiore agli assunti ante 2014 e 2015 da Gae hanno ottenuto illegittimamente il trasferi-mento .
Il nostro studio invita pertanto tutti i docenti che si trovano nella medesima si-tuazione di proporre celermente ricorso .

CHI PUÒ ADERIRE:
I docenti assunti ante 2014 e 2015 da Gae hanno partecipato alla procedura di mobilità 2016/2017 e che sono stati pretermessi dagli idonei del concorso 2012.

Occorre inoltrare alla mail(vincenzo.lacava@avvocatovincenzolacava.it) la se-guente documentazione:
1.Contratto immissione in ruolo;
2.Ultima busta paga;
3.Decreto assegnazione provvisoria se ottenuta;
4 Domanda trasferimento 2016/017;
5.Lettera di notifica 016/017 (risposta usp);
6.Mail (con la quale è stato comunicato omesso trasferimento);
7.Bollettino dei trasferimenti 016/017(ove risultano i docenti che vi hanno sca-valcato);
Lo studio ha ottenuto importanti VITTORIE presso: Tribunale di Parma, Monza, Messina, Catania, Barcellona Pozzo di Gotto, Termini Imerese, Caltagirone, Li-vorno, Castrovillari.

8) Ricorso volto ad ottenere la precedenza in favore del tutore legale di mi-nori stranieri.
Lo studio Legale La Cava ha deciso di avviare un nuovo ricorso volto a tutelare le ragioni, nei trasferimenti interprovinciali, di chi esercita tutela legale di minori non accompagnati con provvedimento dell’Autorità Giudiziaria.
Lo studio legale La Cava consiglia a tutti i docenti che hanno chiesto con do-manda cartacea o inserito tra gli allegati il verbale di nomina di tutore per minori stranieri di contattare lo studio allo 090 346288 ricorso al fine di ottenere il dirit-to di precedenza e il consequenziale trasferimento.

1.Contratto immissione in ruolo;
2.Ultima busta paga;
3.Decreto assegnazione provvisoria se ottenuta;
4 Domanda trasferimento 2019/020;
5.Lettera di notifica (risposta usp);
6.Mail (con la quale è stato comunicato omesso trasferimento);
7.Bollettino dei trasferimenti 019/020;
8.decreto nomina tutore legale

La documentazione deve essere inoltrata  IN FORMATO PDF ENTRO IL 30.9.2019 alla mail: vincen-zo.lacava@avvocatovincenzolacava.it e/o contattare lo studio allo 090 346288