201903.29
0

MOBILITA’: L.104/1992 PADRE RICONOSCIUTA PER TRASFERIMENTO INTERPROVINCIALE

MOBILITA’: con sentenza di merito docente catanese trasferita per assistere il padre

Dopo le vittorie ottenute presso i Tribunali di: Barcellona Pozzo di Gotto, Messina, Catania, Palermo,Termini Imerese, Roma, Potenza, Lodi, Ravenna,Brescia,Vicenza, Vercelli, Viterbo, Pisa questa volta è il Tribunale di Asti ( leggi qui) a darci ragione con un provvedimento esemplare e sentenza di merito.
Il Giudice del lavoro del Tribunale di Asti con sentenza di merito ha trasferito la docente presso l’ambito di Catania asserendo che ” la norma in esame appare illegittima anche sotto l’ulteriore profilo della limitazione della precedenza alla sola fase della mobilità provinciale, con esclusione del diritto al trasferimento nella fase dei trasferimenti interprovinciali”.
Invero, la clausola pattizia sopra citata, nel limitare alla sola mobilità provinciale la preferenza accordata al docente figlio che assista il genitore affetto da handicap in situazione di gravità, accordandola invece in sede di mobilità al di fuori dell’ambito provinciale solo ai genitori di figli disabili, viola la norma imperativa primaria del citato art. 33 l. 104/1992, dal momento che l’art. 33 cit. non opera distinzioni tra i familiari affetti da handicap grave all’interno dell’ambito di tutela concesso (se non con il prevedere che ciascuno dei genitori di figlio disabile abbia diritto, alternativamente, ai permessi), in particolare non distinguendo il grado di parentela quanto al diritto all’assegnazione del posto di lavoro nella località più vicina alla residenza dell’assistito “ove possibile”.
Venendo al caso di specie, è documentalmente provato che il padre della ricorrente sia stato riconosciuto portatore di handicap in condizioni di gravità.Accerta il diritto della ricorrente all’assegnazione presso un ambito della Provincia di Catania.

L’avvocato La Cava invita tutti i docenti  stante la imminente scadenza della domanda di mobilità  di inserire la richiesta di diritto di precedenza ( V. indicazioni sul nostro sito www.avvocatovincenzolacava.it al link vademecum  oppure contattare lo studio allo 090 346288